SANTA APOLLONIA

Martedì ricorre a Farra la festa di Santa Apollonia. La situazione non ci permette, per evidenti motivi, di celebrare le Sante Messe nella chiesetta dedicata alla Santa.

Saranno invece celebrate nella chiesa parrocchiale e con l’orario seguente: alle ore 8, alle 10.30 e alle 18.30. Si è preferito spostare la Messa del pomeriggio alla sera, così che anche chi lavora o va a scuola abbia la possibilità di parteciparvi.

Auguriamoci che l’inconveniente di doverci spostare nella chiesa parrocchiale non diminuisca la devozione secolare alla Santa.

Chiesa di Santa Apollonia

INFORMAZIONI STORICHE

La chiesa di S. Apollonia venne edificata da “Misier Carlo Livinal” intorno all’anno 1625, sul luogo ove nel 1614 aveva fatto ricostruire un vecchio ed abbandonato capitello dedicato alla Madonna.

Numerose sono le opere d’arte presenti: le due acquasantiere risalgono al 1637; i dipinti laterali, tele in cornice lignea, collocati sull’altare maggiore, rappresentanti S. Francesco e S. Carlo Borromeo, sono opera di Francesco Frigimelica il Vecchio (XVII secolo); la pala centrale, con soggetto la Madonna in gloria con i santi Apollonia ed Antonio Abate è di fattura leggermente più tarda.

La Soasa lignea dell’altare è anch’essa databile al secondo decennio del XVII secolo, è monocroma a finto noce con parti decorative dorate con tecnica a foglia d’oro tardomanierista, raffinata negli intagli e riconducibile alle produzioni del Costantini. Degno di nota inoltre il Campanile a vela del 1637.

GALLERIA IMMAGINI