- Parole che invitano alla fiducia -

Il brano del Vangelo di oggi ci riporta alle ultime ore trascorse da Gesù con i suoi amici-apostoli. Sono ore intense che precedono la tragedia, la quale si abbatterà su Gesù di lì a poco e che avrà un’inevitabile ripercussione su tutto il gruppo. Chissà quante volte l’evangelista Giovani se le sarà ripetute quelle ultime parole di Gesù, magari anche dispiacendosi di non averle comprese subito, di non essersi reso conto fino in fondo di quello che stava succedendo. Avesse capito, avrebbe potuto consolare il Maestro, tentare di rincuorarlo, incoraggiarlo. Ma si sa che molte volte ciò che si sta vivendo non si riesce a coglierlo appieno. Chi di noi non ha da rammaricarsi per aver perso occasioni buone: parole non dette, sorrisi mancati, una carezza, una presenza? Si capisce dopo, quando la persona ci è stata strappata. E non ci sono tempi supplementari!

Farra int_ (13)In questi giorni di forzata distanza, ci sarà capitato di accorgerci quanto certe persone siano importanti nella nostra vita. Gli affetti si intensificano con la lontananza. E così, anche Giovanni avrà avuto bisogno di ricordare. Era l’unico modo rimastogli non tanto per riparare il passato, quanto per motivare il presente e il futuro.

Quanto sarà stato importante allora ritrovare nella memoria e ripetersi le parole di quella sera! Parole di testamento, essenziali, fondamentali, vere. Parole che non si vorrebbe mai tradire, perché segnano una vita: di chi le pronuncia e di chi ne è destinatario. “Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me”. Parole audaci che non finiscono mai di accompagnare il discepolo e che diventano di attualità ogni volta che la vita presenta il conto, spesso salato.

C’è, infatti, una domanda a cui occorre rispondere ognuno per sé: quanto mi fido di quelle parole di Gesù? Quanto quelle parole riescono ad attenuare il turbamento del mio cuore? Senza nulla togliere alle pur utili rassicurazioni che vengono da uomini di scienza, di sapienza, di cultura, il vero credente è colui che alla fine e soprattutto si fida delle promesse di Gesù. E questo nonostante le debolezze e le fragilità di cui ogni esistenza è colma, zeppa.

Gesù conosceva bene chi aveva davanti, a chi consegnava quell’invito a fidarsi di Lui e del Padre. Sapeva che una manciata di monete o una maledetta fifa avrebbero smontato tutto. Ma proprio per questo si è ostinato a invitare alla fiducia. E quasi a sigillare l’autenticità e l’autorevolezza della consegna non ha esitato a firmarsi di suo pugno: “Io sono la via, la verità e la vita”.

Pensate ci sia di meglio o di più rassicurante oggi sul mercato? Se c’è, io non l’ho trovato. Perciò continuo a fidarmi di Lui. Buona settimana - don Lorenzo



 

WebRadioMESSA IN DIRETTA DA FARRA

Attraverso un collegamento WhatsApp, domenica mattina, ore 9, è possibile seguire la celebrazione dell’Eucaristia trasmessa in diretta dall’abitazione delle suore. Per informazioni si può rivolgersi al parroco.

 


Rosario

FIORETTO MARIANO

Da qualche sera è possibile partecipare alla preghiera del Rosario con le suore e il parroco. Attraverso WhatsApp, alle ore 20, ci si può collegare e seguire da dove ci si trova. Sono una sessantina i collegamenti avvenuti in queste sere, ma se qualcun altro si vuole aggiungere può farlo. Per ogni informazione si può contattare telefonicamente don Lorenzo

 

Il sito di Radio PFA può essere raggiunto al seguente indirizzo http://parrocchiafarra.caster.fm/ 

 

 

 

- SI TORNA A CELEBRARE NELLE CHIESE -

Altare-Farra

 

La notizia ormai dovrebbe essere nota: con lunedì 18 maggio si può tornare a celebrare le Messe nelle chiese. Abbiamo, però, capito che “non si tornerà come prima”, ma che ci saranno delle regole che tutti siamo chiamati a rispettare. 

La prova più grande avverrà domenica 24 maggio, ma la settimana precedente, almeno a Farra con le Messe feriali, avremo la possibilità di “prendere le misure” e di attrezzarci in maniera opportuna. 

Altare-Santa-Croce

 

A tutti è chiesto di avere grande senso di responsabilità. Ci sarà poi anche bisogno di volontari sia per la pulizia delle chiese (igienizzazione) sia per aiutarci a seguire le indicazioni riguardo l’entrata nelle chiese (sempre con mascherine e guanti monouso) e la disposizione nei banchi. 

Entro martedì 12 dobbiamo aver calcolato “la capienza massima” delle nostre due chiese parrocchiali per comunicarla al centro diocesi. Dal centro diocesi saranno forniti poi eventuali chiarimenti necessari. 

 

...

 

pregare


PREGHIERA PRIVATA

Per quanti desiderano pregare il Rosario in privato o in famiglia, segnalo la lettera inviata dal vescovo Renato e che si può trovare in: http://www.chiesabellunofeltre.it/mese-di-maggio/ A Farra le campane daranno ogni sera il consueto richiamo al fioretto, poco prima delle ore 20.

 

Raccolta-alimentare

RACCOLTA ALIMENTI

Prosegue nella chiesa di Farra, la raccolta di prodotti alimentari e per l’igiene. Una parte di prodotti è stata già ritirata dai volontari per confezionare i pacchi consueti e per nuove situazioni di bisogno, destinate sicuramente a crescere. Quello che viene raccolto, infatti, viene unito a quanto raccolto in altre parrocchie e nei negozi che hanno aderito alla proposta di partecipare alla solidarietà che in molti casi diventa indispensabile.